PROVE INVALSI AUTOCORRETTIVE

PROVE INVALSI DEGLI ANNI PRECEDENTI PER ESERCITARSI

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2013-2014/invalsi_italiano_2013-2014_on_line/invalsi_italiano_2013-2014_terza.htm

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2012_2013/invalsi_italiano_2012-2013_on_line/invalsi_italiano_2012-2013_terza.htm

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2011_2012/invalsi_italiano_2011-2012_on_line/invalsi_italiano_2011-2012_terza.htm

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2010_2011/invalsi_italiano_2010-2011_on_line/invalsi_italiano_2010-2011_terza.htm

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2009_2010/invalsi_italiano_2009-2010_on_line/invalsi_italiano_2009-2010_terza/invalsi_italiano_2009-2010_terza.htm

http://www.engheben.it/prof/materiali/invalsi/invalsi_terza_media/2008_2009/invalsi_italiano_2008-2009_on_line/invalsi_italiano_2008-2009_terza_1.htm

Salvatore Quasimodo: denunciare l’orrore della guerra e della dittatura

Dopo il periodo ermetico, Quasimodo, convinto che la poesia non possa esimersi dall’esprimere dal rappresentare la realtà , scrive versi che ricordano l’esperienza della guerra. Alla raccolta “Giorno dopo giorno” del 1947, appartiene questa poesia che ricorda l’orrore del bombardamento di Milano, avvenuto nell’agosto del 1943. I versi denunciano la violenza della guerra, causa di morte e distruzione.

Milano Agosto 1943 di Salvatore Quasimodo

Invano cerchi tra la polvere,
povera mano, la città è morta.
È morta: s’è udito l’ultimo rombo
sul cuore del Naviglio: E l’usignolo
è caduto dall’antenna, alta sul convento,
dove cantava prima del tramonto.
Non scavate pozzi nei cortili:
i vivi non hanno più sete.
Non toccate i morti, così rossi, così gonfi:
lasciateli nella terra delle loro case:
la città è morta, è morta.
Per un semplice commento clicca qui: http://www.salvatorequasimodo.it/2010/01/milano-agosto-1943.html
Altro testo di forte impatto emotivo ed espressione di impegno civile è
AI QUINDICI DI PIAZZALE LORETO
 Esposito, Fiorani, Fogagnolo,
Casiraghi, chi siete? Voi nomi, ombre?
Soncini, Principato, spente epigrafi,
voi, Del Riccio, Temolo, Vertemati,
Gasparini? Foglie d’un albero
di sangue, Galimberti, Ragni, voi,
Bravin, Mastrodomenico, Poletti?
O caro sangue nostro che non sporca
la terra, sangue che inizia la terra
nell’ora dei moschetti. Sulle spalle
le vostre piaghe di piombo ci umiliano :
troppo tempo passò. Ricade morte
da bocche funebri, chiedono morte
le bandiere straniere sulle porte
ancora delle vostre case. Temono
da voi la morte, credendosi vivi.
La nostra non è guardia di tristezza,
non è veglia di lacrime alle tombe:
la morte non dà ombra quando è vita.
Per un breve commento: https://bolledicultura.wordpress.com/2013/10/20/salvatore-quasimodo-ai-quindici-di-piazzale-loreto/
Per l’inquadramento storico leggi qui: http://anpi-lissone.over-blog.com/article-11669404.html

IL SUDAFRICA: IL REGIME DELL’APARTHEID E NELSON MANDELA

DOPO AVER ASCOLTATO LA VOCE DI M.L. KING E CONOSCIUTO IL CORAGGIO DI ROSA PARKS, CONOSCIAMO

UN ALTRO UOMO CHE HA LOTTATO PER L’AFFERMAZIONE DEI DIRITTI: NELSON MANDELA, PREMIO NOBEL PER LA PACE NEL 1993. MANDELA LOTTO’ CONTRO LA DISCRIMINAZIONE RAZZIALE NEL SUDAFRICA:

http://www.ovo.com/apartheid/download

CONOSCIAMO MEGLIO LA SUA VITA E LA SITUAZIONE IN SUDAFRICA AI TEMPI DELL’APARTHEID:

http://www.ovo.com/nelson-mandela/

INVICTUS (POESIA SCRITTA DA MANDELA)

Dal profondo della notte che mi avvolge,
Buia come un pozzo che va da un polo all’altro,
Ringrazio qualunque dio esista
Per l’indomabile anima mia.

Nella feroce stretta delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi d’ascia della sorte
Il mio capo è sanguinante, ma indomito.

Oltre questo luogo d’ira e di lacrime
Si profila il solo Orrore delle ombre,
E ancora la minaccia degli anni
Mi trova e mi troverà senza paura.

Non importa quanto stretto sia il passaggio,
Quanto piena di castighi la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima»

canzone dedicata a Mandela: https://www.youtube.com/watch?v=VVcuBbg0pSQ